Report sui rischi globali 2015 del WEF (World Economic Forum)


image

Ecco i principali rischi per la nostra società globale segnalati ogni anno dal WEF nel report “The global risk report” . Nel 2015 il preso dei rischi Geopolitici è più alto che in altri anni, dove invece erano prevalenti i rischi ambientali.

Dal report che potete scaricare si legge:

“…The fragility of societies is of increasing concern, fuelled by underlying economic, societal and environmental developments A major driver of social fragility is rising socio-economic inequality within countries, although it is diminishing between countries. Among the members of the Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD), the average income of the richest 10% has now grown to about nine times that of the poorest 10%. In other countries, the ratio is even higher: for example, more than 25 times in Mexico….”

Mentre infatti le differenze di ricchezza tra i paesi si sta assottigliando perché i paesi ricchi crescono meno mentre i paesi emergenti crescono di più, all’interno dei singoli stai le disuguaglianze tra i cittadini ricchi e quelli poveri aumentano a dismisura.

In realtà anche a livello globale la differenza di ricchezza tra le famiglie ricche ed il resto della popolazione sta aumentando però le tensioni sociali che si possono creare avvengono dentro uno stato di diritto quindi la maggiore preoccupazione è rivolta ai paesi dove maggiore è la disuguaglianza sociale. L’Africa fa storia a se perché non riesce ancora ad emergere dal punto di vista della ricchezza ed ha continue guerre interne che distruggono valore.

Tutti questi fenomeni di distribuzione della ricchezza e di ineguaglianza del capitalismo, dell’inutilità della crescita del PIL etc… sono descritti in un libro di 600 pagine che riscrive la storia economica delle nazioni ..” Il capitale del 21simo secolo di Tom Piketty “.

Qui troverete spiegate le dinamiche economiche dei capitali e delle ricchezze delle nazioni e delle famiglie dal 1700 ad oggi e le dinamiche di crescita decrescita dei paesi.

Le ingiustizie sociali e politiche create dal capitalismo incidono pesantemente sulle ricchezze delle nazioni creando situazioni paradossali in cui i singoli cittadini o gruppi di essi sono più ricchi ed hanno più potere di governi che dovrebbero agire nell’interesse di tutti. Quindi la democrazia sempre di più asservita al potere economico e non c’è apparentemente alcuna via di uscita.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: